24 set, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Addio tequila sale e limone

Notizie

Addio Tequila !!!  Tempi duri per i prodotti simbolo del Messico. L’anno scorso il Paese è stato scosso da proteste per l’aumento vertiginoso del prezzo della tortilla, piatto principe nella dieta della popolazione più povera. Le cause principali furono il dirottamento delle scorte di mais (l’ingrediente base) verso la produzione di biofuel negli Usa e le speculazioni dell’agrobusiness. Per le stesse ragioni i contadini messicani stanno progressivamente abbandonando la coltivazione di agave, l’ingrediente principale della tequila, per convertire i propri terreni in piantagioni di grano, mais e fagioli, raccolti molto più remunerativi grazie alla crescente domanda dovuta alla recente crisi alimentare e al boom del biofuel.
«Adesso gli affari si sono spostati verso il grano: ora lo vendo a 18 cent la libbra, mentre i fagioli mi vengono pagati il 60% in più rispetto a sei mesi fa. Nel 2002 l’agave veniva pagata 80 cent di dollaro la libbra, oggi meno di 2 cent» afferma a Usa Today Miguel Ramirez, proprietario di un’immensa azienda agricola «secondo voi cosa dovrei piantare?».
E i numeri parlano chiaro, l’anno scorso le coltivazioni di agave sono diminuite del 35%, con un trend negativo simile prospettato per il 2008. L’agave impiega 6 anni per arrivare a piena maturità, dunque per adesso le scorte fanno riferimento al raccolto 2001-2002, per questo non si sa ancora quali saranno le ripercussioni dell’abbandono di questa coltivazione sull’industria della tequila. Se però il fenomeno dovesse continuare, «sicuramente nei prossimi anni avremo tequile di minor qualità, soprattutto quelle a basso prezzo, con minore quantità di agave, mentre i nostri cocktail a base della bibita messicana saranno sempre più cari», conclude Chris Mercer, esperto di drink del sito www.just-drinks.com.
Fonte : The Independent

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information