18 set, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

04/01/2008 - Ancora un ritrovamento archeologico a Messina

Notizie

Una città con tantissima storia come la nostra dovrebbe trasformarsi in un cantiere, ma non certo per costruire palazzi e muri di cemento, ma per ricercare la nostra storia, le nostre tradizioni riscoprendo la nostra natura distrutta in parte dal terremoto del 1908 ed in parte da noi stessi. Certo è che se i nostri antenati ci vedessero dispezzare così ciò che hanno lasciato il loro sguardo sarebbe tristissimo.

In ogni angolo della città, scavando e poi scavando, saltano alla luce siti archeologici in ogni dove. Ritrovamenti che ci ricordano chi siamo stati e da dove veniamo.

Divulgata ieri la notizia del ritrovamento di un sito archeologico in un cantiere in Via La Farina. Gli esperti Giovanna Maria Bacci, Gabriella Tigano, Maria Ravesi e Giusi Zavettieri e Angelo Maressa ritengono che proprio in quel sito sia stata celebrata l’ antica cerimonia di fondazione della colonia greca di Zancle. Purtroppo non sembra che attualmente vi siano i fondi necessari per proseguire con gli scavi.

Zancle fu in principio fondata da pirati andativi da Cuma - sono parole di Giuseppe Restifo, portavoce della Rete di ecologia sociale-Verdi - ma in seguito dalla Calcide e dal resto dell' Eubea vi andò gran gente che ne possedette in comune il territorio; e capi di quella colonia furono Periere e Cratemene, l' uno di Cuma, l' altro di Calcide. Da principio i Siculi la chiamavano Zancle, perché ha la figura di una falce, e i Siculi chiamano appunto zanclo la falce". In questo famoso passo, riguardante la fondazione della colonia greca di Messina, risalta il fatto che Tucidide per ben due volte dica "in principio". Si tratta della narrazione del vero primordio della città, destinata a sposare quel sito sulle rive dello Stretto e a non tradirlo più, a non abbandonarlo più per ventisette secoli.
Ma oggi lo scavo di via La Farina chiude; non ci sono più soldi per proseguire i lavori e soprattutto si è nella più completa incertezza circa il futuro di quei resti archeologici, che sono la memoria di Messina. Ci sono persino i debiti con il costruttore del complesso Colapesce, che ha anticipato oltre centomila euro. Il rischio di una colata di cemento non è però un' incognita ma del tutto reale. In questa città non si apprezza niente e speriamo che qualcuno faccia qualcosa, e non solo a parole dette in Tv.

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information