19 gen, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Bernardo Provenzano

Notizie

Bernardo Provenzano è nato il 31 gennaio 1933 a Corleone, da sempre "Binnu 'u tratturi" è uno dei capi più misteriosi di Cosa Nostra, per la mancanza di notizie certe sul suo conto. Non è un caso se, pur essendo attualmente in cima alla lista dei grandi latitanti, per molto tempo venne invece dato vittima della lupara bianca. Insieme all'amico , iniziò la carriera criminale nella banda di Luciano Liggio, che espresse nei suoi riguardi un famoso e lapidario commento: " Provenzano spara come un dio, peccato che abbia il cervello di una gallina ". Fu uno dei protagonisti indiscussi della guerra alle cosche palermitane negli anni Ottanta. Al suo attivo tre ergastoli e altri procedimenti in corso e una latitanza di oltre trent'anni ultimamente interrota. Per molto tempo è stato considerato solo un killer senza scrupoli, ma nel corso degli anni gli investigatori hanno individuato in lui una delle menti organizzatrici del riciclaggio del denaro sporco. Alcuni collaboratori infatti hanno affermato che Provenzano è il boss che controlla gli appalti e tiene i contatti con il mondo politico. Alla fine del 1992, la sua famiglia tornò a vivere a Corleone. Ipotesi investigative hanno accreditato Provenzano ed Aglieri come i garanti della pax mafiosa tra le cosche palermitane e i corleonesi. 
 
{mosgoogle center}   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la privacy policy>/i>.
To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information