16 ott, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Chiesa di Montalto

Messina City - Le Chiese di Messina

La Chiesa di Montalto è sita in posizione preminente sul colle della Caperrina, fu il primo edificio di culto ricostruito nel dopo terremoto ed è dedicato alla Madonna delle Vittorie; è legata all'apparizione della Madonna in difesa dei messinesi assediati dai Francesi nel corso della guerra del Vespro infatti è definito il "Campidoglio di Messina" per il movimento rivoluzionario del 1282;
Si racconta che la Madonna sotto le vesti di una Dama Bianca deviass le frecce dei nemici e con le sue vesti bianche copriva le mura rendendole invisibili.
Nel 1294 una leggenda racconta che la Madonna apparve in sogno ad un frate esprimendo il desiderio  di vedere sorgere, in quel posto, una chiesa a Lei dedicata. Disse che l'indomani avrebbe fatto volare sul terreno una colomba bianca, che con il suo volo, avrebbe segnato il perimetro della chiesa.

I Senatori e l'Arcivescovo, il giorno stabilito, videro volare la colomba bianca per tre volte nel cielo, segnando con il suo volo il perimetro della chiesa. Allora il Senato messinese decise di acquistare il terreno e vi costruì la chiesa che fu intitolata alla Beata Vergine di Montalto ed affidata alle suore che introdussero il culto della Madonna di Montalto.

Il complesso fu distrutto dal terremoto del 1908, ricostruito nel 1911 ed ampliato nel 1928.

Nel 1929 la ditta Colbacchini di Padova, con il bronzo ricavato dai cannoni catturati ai nemici nella guerra del 1915/18, fuse e realizzò ben 25 campane che potevano riprodurre qualsiasi suono. In ogni campana si legge: " fusa col bronzo tolto al nemico 1915/18. Donata da Sua Eccellenza mons. Angelo Paino, arcivescovo di Messina, nell'anno del Giubileo 1925" . Custodite al suo interno opere importanti come il "Trono" in marmo della Madonna scolpito nel 1915 dal marmista Munaò la balaustra marmorea; due acquasantiere in marmo della fine del '700; un fonte battesimale in marmo scolpito da Diletti.

Il bel prospetto, rivolto verso il mare, fu rifatto nel 1930 con due campanili a cuspide che affiancano la facciata. Anche dalla piazza antistante a questa chiesa si gode di uno stupendo panorama, lodato, con parole di viva ammirazione, dal papa Giovanni Paolo II, che ebbe modo di goderlo nel corso della sua visita alla città del 1988.

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information