24 ott, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

25/01/2009 - E' Crollato il Ponte sullo Stretto, prima di essere costruito

Notizie

Il ponte sullo Stretto è crollato prima ancora di essere costruito. Ha provveduto l’ingegnere Remo Calzona, uno fra i più accreditati tecnici dei lavori pubblici, che da coordinatore del comitato scientifico della società ‘Stretto di Messina’ aveva garantito sulla fattibilità dell’opera. Ma a due anni di distanza l’ingegnere ha cambiato opinione e pubblicato un libro nel quale avanza pesanti interrogativi sulla resistenza della campata unica, sulle condizioni di sismicità, sulla situazione geomorfologia, sull’impatto ambientale e socio-culturale. In pratica siamo a quanto scritto dai geologi e ingegneri giapponesi, che all’inizio degli Anni Novanta, sulla scia delle mirabilie edificate a casa propria, furono incaricati di stendere la prima relazione sul ponte. Affermarono che l’imprevedibilità delle correnti escludeva di poter edificare un ponte sicuro al cento per cento. D’altronde, non sarà un caso se già gli antichi raffiguravano il passaggio fra Scilla e Cariddi alla stregua di una sfida divina. Trenta secoli dopo la situazione è peggiorata. La placca del Mediterraneo è in continuo movimento per le sollecitazioni che dal continente africano coinvolgono la penisola iberica. Il pericolo di un maremoto è in costante agguato. Stromboli ne fu colpita il 30 dicembre 2002: venne giù mezza montagna, ma per non allarmare l’opinione pubblica fu scelta la dizione più tranquillizzante di onda anomala.

Il ponte sullo Stretto resisterebbe a un movimento sismico di quella forza? Nella migliore delle ipotesi, nessuno lo sa. Ed era stata proprio quest’incertezza a dissuadere i giapponesi. Purtroppo non ha dissuaso il Pus (Partito unico siciliano). Negli ultimi dieci ha puntato forte sul ponte (sono in ballo almeno 10 miliardi di euro) godendo pure di fortune impreviste. Persino il governo Prodi, che ne aveva escluso la costruzione, ha in fondo tenuto in vita il progetto. Il ministro Di Pietro, infatti, anziché liquidare la società ‘Stretto di Messina’, la mise in naftalina. Però è stato questo suo atto a consentire il rilancio dell’opera appena Berlusconi è tornato al governo la scorsa primavera.

Il premier sosteneva d’interpretare la volontà dei siciliani. Tesi assai azzardosa: in realtà interpretava la volontà dei suoi amici e ignorava di ripercorrere le strade di tanti che hanno spesso mascherato i propri bisogni con i presunti desideri del popolo isolano. Il primo a comportarsi così fu nel 1945 Andrea Finocchiaro Aprile, leader del separatismo siciliano, benché figlio di un toscano e iscritto a una loggia massonica anti regionalista: garantì ad americani e inglesi, al tempo padroni dell’Italia, che il novanta per cento degli isolani era prontissimo ad impugnare il fucile in caso di mancata indipendenza. Al momento del suo massimo fulgore l’esercito di Finocchiaro Aprile arrivò a contare 56 volontari. Anche il ponte è in realtà circondato dalla stessa indifferenza. Lo vogliono i pochi che ne godranno gli ampi benefici economici, sono disinteressati o addirittura contrari tutti gli altri. Messina, la città più coinvolta, si oppone in maniera ormai netta, malgrado l’enorme influenza in città dei fratelli muratori, tra i massimi referenti del progetto.

Ha poi provveduto la crisi economica a raffreddare gli entusiasmi e soprattutto i finanziamenti del Cipe per avviare una costruzione dai tempi smodatamente lunghi. Secondo i suoi agiografi potrebbe esser pronta nel 2017 quando in Cina hanno impiegato quattro anni per edificare nella baia di Hangzhou un ponte di 36 chilometri, la stessa distanza che intercorre fra Padova e Venezia. La società capofila del consorzio vincitore è sempre l’Impregilo, della quale le cronache si sono molto occupate per i problemi sorti in Campania sul fronte degli inceneritori. Proprio sugli ottimi rapporti con l’Impregilo puntavano i dirigenti della Calcestruzzi per inserirsi nell’affare. Finché gli inquirenti non l’hanno fermata, la Calcestruzzi ha imperato in Sicilia quasi in regime monopolio – l’80 per cento del mercato era suo - grazie alla protezione delle cosche mafiose. I magistrati della procura di Caltanissetta sostengono che per procurarsi i fondi neri da versare ai boss il suo prodotto avesse fino al 30 per cento in meno di conglomerato cementizio. Da mesi i periti esaminano viadotti, ponti, palazzi, strade, dighe. Esiste il diffuso timore che molti lavori andranno rifatti per non mettere a rischio l’incolumità pubblica. Se la Calcestruzzi avesse usato gli stessi metodi nei suoi interventi sul ponte, avevano anche aperto un ufficio a Messina in vista dei futuri affidamenti, quali sarebbero state le conseguenze per i milioni di clienti con il 30 per cento in meno di calcestruzzo nei pilastri della campata? Operazioni recenti condotte dalla Dia e dall’Fbi hanno raccontato che alcune grandi ‘famiglie’ mafiose americane - i Rizzuto, i Cuntrera, i Caruana, i Bonanno – già nel 2005 avevano pronti 5 miliardi di dollari da investire nel ponte. Irreprensibili ingegneri e finanzieri sono finiti in galera, ma i 5 miliardi sono sempre pronti come sono pronte le ‘ndrine della piana di Gioia Tauro, che furono convinte dagli emissari d’oltre Oceano a chiudere la faida, perdurante dal ’91, per concentrarsi sul “miglior affare di tutti i tempi”.

di Alfio Caruso; Fonte:giornalettismo.com

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information