17 ott, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

05/11/2007 - E' un disastro sul quale il governo deve intervenire

Notizie

Il sottosegretario ai Trasporti, Raffaele Gentile, ha visitato le zone colpite dal nubifragio del 25 ottobre. Un percorso tra le vie di Roccalumera, Scaletta, Alì ed il paese più colpito, Giampilieri Superiore. Gentile è apparso turbato dallo stato più grave del previsto: " E' un disastro - ha detto Gentile - sul quale il governo deve intervenire immediatamente. La dichiarazione dello stato di calamità naturale è il minimo in una situazione del genere in cui c'è gente che ha perso casa e lavoro. Adesso occorre ripristinare la viabilità, sistemare le abitazioni, liberare le strade dal fango, raggiungere le contrade più sperdute. Poi dovremo intervenire per affrontare una situazione di dissesto idreogeologico allarmante ".

La risistemazione del territorio non è più rinviabile: "Adesso pensiamo all'immediato ma poi sistemiamo le colline che sovrastano l'abitato di tanti centri. Naturalmente sono interventi che non possono essere effettuati dall'oggi al domani ma sono assolutamente necessari". Sui tempi di intervento, Gentile, preferisce non siblanciarsi : " I tempi saranno brevi perché dobbiamo rispondere alle necessità di tanti cittadini. Ho ammirato la compostezza di questa gente che pur colpita così fortemente mi ha accolto con grande signorilità. Per quanto riguarda le cifre preferisco non farne. Ho sentito di stime approssimative ma saranno necessarie, invece, quelle definitive e precise per avere un quadro complessivo ". Gentile si è incontrato con il Alecci per fare il punto della situazione e concordare strategie di intervento: "Lo stato di calamità naturale mi sembra scontato -ha detto il Prefetto Alecci- perchè c'è una situazione che obiettivamente lo richiede. Il sottosegretario Gentile è venuto a Messina proprio per rendersi conto della situazione e poter riferire in sede di governo nazionale".

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information