18 dic, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

28/11/2008 - Fallimento per FC Messina

Notizie

Il Tribunale di Messina ha dichiarato il fallimento della Fc Messina, la societa' calcistica dei fratelli Vincenzo e Pietro Franza. Alla base del provvedimento, l'esposizione debitoria milionaria della societa' e l'incapacita' della dirigenza di farvi fronte. Tra le voci del debito, anche quelle legate ai rapporti tra soci. A chiedere il provvedimento sono stati i quattro pm della procura che si occupano del caso, Vito Di Giorgio, Francesca Ciranna, Fabrizio Monaco e Maria Pellegrino, nell'ambito della tranche d'inchiesta relativa al falso in bilancio, dopo aver visionato gli atti sequestrati lo scorso 15 ottobre e le perizie depositate dai consulenti. A quella data risale, dopo l'accusa di concorso in abuso di ufficio, quella di falso in bilancio per Pietro e Vincenzo Franza, rispettivamente presidente e vicepresidente del FC Messina. A fronte di un nuovo troncone di inchiesta, avviato dai sostituti procuratori, sotto accusa era finita la gestione amministrativa delle due societa' Messina Calcio e Mondomessina.
Societa' che per ammissione degli stessi Franza avrebbero registrato debiti pari a 28,3 milioni di euro. La sezione di Pg della Guardia di Finanza aveva allora sequestrato gli atti ed i bilanci relativi alla gestione delle due societa', a partire dal 2006 ad oggi. Ed i tifosi esultano per il goal che non ti aspetti. Una rete che con molta probabilità manderà a gambe all'aria la società calcistica dei fratelli Franza. La sentenza è stata depositata nella tarda mattinata di un giovedì che sarà a lungo ricordato non solo dai massimi dirigenti ma anche dagli appassionati e non delle sorti del calcio a Messina. La famiglia Franza ora ha 15 giorni per impugnare il ricorso.
Sul dichiarato fallimineto esprimono pareri alcuni noti personaggi messinesi tra cui:
Nino Martorana, storico rappresentante della tifoseria messinese: "speriamo che possa servire per far sì che si sveltisca il cambio, speriamo soprattutto che non sia d'intralcio, ma che anzi risulti utile a riavere al più presto la nostra squadra e tornare allo stadio per ricominciare".
Giuseppe Buzzanca: "E' bene che gli stadi tornino al Comune. Non è un problema se la squadra continuerà ad usarli, ma l'amministrazione comunale è proprietaria delle strutture. La curatela fallimentare sarà un'occasione per fare chiarezza. E' un epilogo triste ma diventa un modo per rilanciare il calcio, che fra le tante emergenze cittadine è una delle nostre priorità".
 
{mosgoogle center}

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information