22 giu, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

13/01/2009 - Fiaccolata per Matteo Bottari, ucciso dalla mafia 10 anni fa

Notizie

Matteo BottariPer ricordare la morte a colpi di lupara del docente universitario Matteo Bottari il 15 gennaio, giorno in cui ricorre il decimo anniversario dell'omicidio consumato nel Viale Annunziata, il circolo di Azione Giovani Quo Usque Tandem, il circolo di Alleanza Nazionale Catilina-Morgana, l’ Associazione Universitaria Atreju e l’associazione culturale Il Lanternino organizzano una fiaccolata che ripercorrerà il tragitto compiuto dal docente la sera del suo assassinio partendo dalla clinica Cappellani nel Viale Regina Elena, e giungendo all’incrocio tra la Panoramica e il Viale Annunziata. Un omicidio ancora irrisolto, che ha dato alla città l'appellativo di verminaio. Alla manifestazione hanno aderito, tra gli altri, il Consiglio della V Circoscrizione, il Leo Club Mesina Peloro Kiwanis Junior Peloro, il WWF, l'associazione ambientalista Fare Verde, il Comitato Bordonaro, l' associazione culturale Eurolab, l' associazione Risorgimento Messinese e le associazioni universitarie Pro-thesis,  Campus,  Ingenium, A.S.ME.V..
 
Matteo Bottari era primario di endoscopista del Policlinico universitario e, il suo omicidio, apre il caso Messina.  Bottari, ucciso nella sua auto, è il genero dell'ex rettore Guglielmo Stagno d'Alcontres ed è braccio destro del suo successore Diego Cuzzocrea.
 
VerminaioLe indagini della squadra mobile e della Criminalpol, coordinate dal pm Carmelo Marino, imboccano subito la pista della gestione degli appalti dell'Ateneo. Interviene anche la Commissione nazionale antimafia, che sbarca a Messina l'11 febbraio e in tre giornate di audizioni traccia un quadro inquietante: la città viene descritta come governata da un "grumo d'interessi" politico-affaristico-mafiosi che avrebbe il suo fulcro all'Università, che gestisce un budget di appalti di 250 miliardi. 
 
I commissari puntano l'indice sul Palazzo di giustizia e sul sottosegretario agli Interni Angelo Giorgianni, ex magistrato a capo del pool mani pulite messinese. Si scopre così che la Procura - retta da Antonio Zumbo, cognato del fratello del Rettore - avrebbe avviato centinaia di inchieste per sollevare un polverone e non toccare gli interessi e gli equilibri esistenti. Ancor oggi, dopo 10 anni, nessuna novità. Un omicidio, quello del professor Bottari, che nasconde dietro di se un'angosciante visione della città dello stretto.

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information