19 lug, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Il Pensiero e la scelta

The Blog

Quanti dubbi ci concede la nostra mente nel momento in cui dobbiamo prendere una decisione importante. Infiniti quesiti fanno da contorno all'azione da compiere che, a volte, può anche cambiare la vita. Se pensiamo a quante volte c'è toccato decidere su una questione importante si capisce immediatamente quanto la condizione mentale giochi un ruolo predominante nella scelta, ma non è l'unica. Infatti ad influire nelle nostre decisioni non è solo il nostro pensiero, che comunque è, e rimane determinante, ma anche tante piccole indicazioni che ci vengono dall'esterno e ci forniscono, quasi su un piatto d'oro zecchino, un pensiero diverso, alterato, anche incompleto. A volte queste, quando la mente è offuscata, stanca, stressata, diventano forti, tanto forti da falsificare la miglior decisione da prendere. La scelta nel decidere cosa può essere giusto e cosa può essere negativo per noi stessi dovrebbe essere preceduta da una riflessione intensa, considerando il più possibile vari aspetti e condizioni; una riflessione seria e obiettiva che in nessun modo dovrebbe essere condizionata da fattori non ad essa direttamente collegati. La scelta è appannaggio dell' individuo e solo lui può intendere realmente quale sia la cosa migliore da fare, ma capita a volte che la scelta viene subita; a volte una scelta non è solo un atto necessario ma, se le condizioni che si presentano possono rompere l'equilibrio, ecco che diventa un esigenza, un bisogno, una cosa da fare. Il pensiero ed il pensare sono tanto importanti per l'uomo, perchè attraverso il ragionamento e la riflessione si può trovare una pace interiore nella scelta presa o reagire a quella subita pronti ad una controazione che ripristini un equilibrio. Niente deve impedire di utilizzare la dote mentale dell’uomo, il ragionamento e la riflessione intendo. La convinzione di essere il solo ad aver agito allo scopo, di essere pervenuto alla scelta, è indispensabile per la coscienza umana che si ribellerà nel momento che capirà come ad influire nell' azione non è stato solo il nostro pensiero ma tante piccole congetture che altri credono siano utili e quindi da loro consigliate e se il pensiero consolida e fa proprie queste indicazioni l’azione è ibrida. La nostra riflessione ed il nostro ragionamento, sono loro che devono guidare l’azione. Sbagliare in una scelta può capitare, ed a volte capita di pentirsi e voler tornare indietro pensando che ciò sarà possibile; ma ripristinare una situazione precedente, che sicuramente ha anche portato alla scelta, diventa impossibile ed è anche inutile tentarci. Può solo essere camuffata la scelta antecedentemente presa, è come indossare una maschera, che non fa che accrescere la tensione dopo che l'equilibrio e stato distrutto. Solo avendo realmente pensato alle azioni procurate dopo l'azione ci si rende conto che, tornare indietro è irreale ed inrealizzabile. Nel momento in cui prendiamo una decisione tramutandola in azione qualcosa cambia e sarà inutile qualsiasi controazione. Niente sarà come prima e non ci resta che preparare, con il ragionamento e la riflessione, una nuova azione che cerchi di sovrapporsi alla prima, coscienti dell'impossibilità di tornare indietro,  cercando di trovare un nuovo equilibrio che non sarà mai uguale a prima perchè un condizione di equilibrio perduta non esiste più. Questo non nega la possibilità di trovare uno stato di equilibrio migliore, magari anche inconsciamente cercato da tempo.

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information