23 set, 2020

MailFacebookrss twitterYoutube

Il reggiseno dei miei sogni

Notizie

In tempi in cui l'uomo si trucca e la donna porta la cravatta, non è azzardato dire che l'unico vero simbolo della femminilità rimane il reggiseno. Questo indumento è stato rivoluzionario, scandaloso, protagonista, emblema dell'emancipazione quanto dell'immagine della sensualità: la storia del reggiseno è lo specchio di quella del sesso femminile. L'amato indumento compare ufficialmente cento anni fa: era il 1907 quando 'Vogue' ne pubblicò un'immagine, ma già dalla fine dell'Ottocento Herminie Cadolle lo aveva ideato. Nasce, non a caso dal genio di una donna, per liberare il gentil sesso dal giogo del corsetto: finalmente si può sorreggere il seno senza sacrificare il benessere di fianchi e schiena. Da allora sono stati infiniti i modelli che le epoche hanno proposto: da quello stretto che appiattiva il seno negli anni Venti fino al mitico Wonderbra di oggigiorno. Ma qual è il modello che fa per voi? I reggiseni più diffusi sono i classici a coppa piena, che contengono e sostengono, adattandosi a tutti i tipi di seno. Quando volete indossare abiti che mettono in risalto il decolletè, l'ideale è il reggiseno a balconcino, molto scollato, con ferretto, che solleva il seno. I migliori modelli per chi ha un seno piccolo sono ovviamente i push-up: imbottiti, arrotondano le forme, sostengono il seno e lo spingono verso l'alto. Non servono a sostenere ma hanno funzione puramente estetica, i reggiseni a triangolo: molto scollati, adatti a seni piccoli e sodi. Chi invece ha il problema opposto, quindi ha seni prosperosi e tendenti a cedere sotto la forza di gravità, esistono reggiseni minimizer, con ferretto e poco scollati. La scelta tra ferretto e non, riguarda soprattutto la vestibilità: c'è chi lo trova scomodo e invece chi lo ama per la sua funzione di sostegno. Figli di questo decennio sono infine i reggiseni invisibili: si tratta di coppe in silicone, che aderiscono al seno senza sostegno di cuciture o lacci. Ma la comodità prima di tutto. Un buon reggiseno deve sorreggere senza strizzare e tantomeno schiacciare: può essere molto dannoso per la salute del seno e addirittura della schiena. Ha forti radici sociali questo indumento: nel 1968 le femministe lo bruciavano in segno di protesta contro la società maschilista, oggi lo vediamo su tutti i cartelloni pubblicitari. Se è l'emblema dell'evoluzione femminile, trattiamolo con il dovuto rispetto.

Fonte: Nexta Media

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information