19 ott, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Le strade più pericolose del mondo

Notizie

Venticinque anni fa, un bus carico di passeggeri uscì di strada percorrendo una strada a strapiombo sulle Ande Boliviane. Ben 100 persone trovarono la morte cadendo dalla scogliera e schiantandosi nelle pareti del canyon sottostante.
L’autista non era ubriaco, non stava percorrendo la via a velocità eccessiva, non aveva sterzato in modo spericolato. Non aveva nulla da rimproverarsi se non una scarsa esperienza di guida. La sua era stata un’imprecisione che tutti i guidatori privi di particolare abilità commettono ogni giorno. Ma la strada era talmente ostica e pericolosa da non consentire il minimo errore. Non tutte le strade sono uguali. Alcune permettono di sbagliare. Altre no. La via degli Yungas in Bolivia non perdona nulla.

Anche se quello appena descritto resta il più terrificante incidente della storia della nazione sudamericana, non è di certo stato l’ultimo.
Nel mondo esistono diverse strade che non vanno prese alla leggera. Che sia per la presenza di curve a gomito, buche, improvvisi allagamenti, traffico disorganizzato e caotico, nebbia o terrificanti burroni, il risultato è sempre lo stesso: centinaia di morti ogni anno. Ecco le impressionanti immagini delle 10 strade più pericolose del mondo secondo la classifica stilata dall’organizzazione no-profit Safe International Road Travel.

1. Via degli Yungas, Bolivia

"Corsia insanguinata", "strada per la morte" e "sentiero del massacro" sono solo alcuni dei poco rassicuranti soprannomi con cui l'organizzazione no-profit Safe International Road Travel.
Al primo posto di questa poco lusinghiera classifica la Via degli Yungas, in Bolivia: un serpentone di 56 chilometri che si snoda tra le Ande e che gli abitanti del luogo chiamano familiarmente "Strada della morte". Ogni anno vi perdono la vita dalle 200 alle 300 persone.
Il fondo è sterrato, il piano stradale stretto, i parapetti assenti, le pendenze a volte molto pronunciate. Il tutto a strapiombo su un profondo burrone dove non è infrequente una fitta nebbia. Il percorso è scandito da croci e fiori che ricordano le vittime e fanno da monito ai viaggiatori in transito.

2. Br-116, Brasile

La seconda strada più lunga del Brasile è la Br-116 che, passando per Curitiba e San Paolo, conduce a Rio de Janeiro.
La porzione di strada tra Curitiba e San Paolo è chiamata "Rodovia (= strada statale) da Morte". Un nome tristemente azzeccato: passando attorno - e a volte anche attraverso - a una ripida scogliera, la Br-116 equivale a un pericoloso giro sulle montagne russe. Ogni anno sono decine le vittime di incidenti mortali.

3. Strada Sichuan-Tibet

Basta guardarla dall'alto per capirne la pericolosità.
La strada che collega la regione cinese dello Sichuan al Tibet, pur trovandosi in una delle aree meno popolare della Repubblica Popolare, ha la più alta percentuale di morti per incidenti stradali.

4. La Panamericana, Costa Rica

La Panamericana, un sistema integrato di strade che si sviluppa per oltre 25mila chilometri lungo la costa pacifica del continente americano, è la più lunga strada "carrozzabile" del mondo: tanto da meritare un posto perfino tra i Guinness dei Primati.
Il tratto più pericoloso si incontra in Costa Rica, nelle "Colline della morte". Ripide discese, salite improvvise, curve a gomito e allagamenti improvvisi sono alla base di centinaia d'incidenti ogni anno.

5. Strada costiera, Croazia

Ogni anno milioni di turisti scelgono la Croazia per le loro vacanze. Il percorso per raggiungere quegli splendidi lidi è però lungo e tortuoso e passa per una strada costiera tutta curve che si è guadagnata il quinto posto in questa classifica.
Sotto accusa non c'è però solo la particolare conformazione e scarsa linearità della strada: molti degli incidenti si verificano per l'alta velocità, particolarmente pericolosa nel caso di strettoie e curve.

6. Vulcano Cotopaxi, Ecuador

Stai progettando una vacanza in Ecuador? Sappi che le strade nascondono mille insidie e che la più pericolosa è proprio una delle mete più amate dai turisti: Cotopaxi, il più alto vulcano attivo della nazione.
La strada, tutta buche, attraversa un corso d'acqua "fantasma" che si allaga in caso di pioggia. Se a questo si aggiungono veicoli scarsamente manutenuti e autisti poco abili, vivere l'avventurosa esperienza di un viaggio tribolato nella giungla non sarà difficile.

7. Strada Luxor-Hurghada, Egitto

La strada che collega l'antica città di Luxor nel sud dell'Egitto e Hurghada è una trappola mortale.
La maggior parte dei guidatori non accende i fari dopo il tramonto, preparando il terreno a un numero inquietante d'incidenti mortali. Purtroppo ancor più pericolosa della guida a fari spenti nella notte, è quella a fari accesi. I banditi non aspettano altro segnale per assaltare le auto. E se non lo fanno loro, ci sono sempre i terroristi: il loro attentato più sanguinoso risale al 1997 e costò la vita a 62 turisti tedeschi in visita a Luxor.

8. A44, Inghilterra

L'A44, in Inghilterra, collega Oxford ad Aberystwyth. La strada a 2 corsie è stata teatro di tanti e tali incidenti da aver meritato videocamere di sorveglianza per il controllo della velocità e per incoraggiare i guidatori a essere più cauti.
E su una strada in cui il 25% degli scontri è frontale, un più alto grado di attenzione sarebbe davvero auspicabile.

9. Strada Patiopoulo-Perdikaki, Grecia

Nonostante i suoi 400 anni di occupazione, l'impero ottomano non conquistò mai una piccola regione montuosa nel centro della Grecia, chiamata Agrafa. Il potere militare e politico non gli mancava. Semplicemente non avevano un modo per arrivarci.
Le strade erano pericolosi sentieri tortuosi. E lo sono ancora oggi.

10. Grand Trunk Road, dall'India all'Afghanistan
La Grand Trunk Road, costruita nel 16esimo secolo per collegare le principali città dell'India a quelle del Pakistan e dell'Apghanistan.
Non è stata cambiata da allora.
La strada è cronicamente congestionata da carri bestiame, animali, biciclette, pedoni, oltre che da un consistente numero di auto e autobus.
 
Fonte: virgilio.it

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information