20 set, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Libero arbitrio, determinismo o istinto

The Blog

Ma cosa ci motiva a compiere un gesto, un azione, un comportamento? Interessante argomento questo, lo riassumiamo in una parola; la motivazione. Sarà mai possibile determinare preventivamente una azione di risposta ad una causa? Ovviamente parliamo di uomini che con la ragione, le pulsioni, i sentimenti cercano di esprimere, presentare, porre se stessi al giudizio degli altri e di se stessi. Aristotele diceva che la mente controlla il comportamento e che gli esseri umani sono liberi di scegliere cosa fare, e quindi le azioni sono dominio esclusivo della ragione. Questa è la dottrina del "libero arbitrio" che divenne uno dei capisaldi della religione protestante insieme alla salvezza grazie solo alla Fede.
Ma alla dottrina del libero arbitrio si oppone il "Determinismo", nato con Democrito, che sosteneva che tutti gli eventi risultano da concatenazioni inflessibili di cause ed effetto. Ma noi non siamo come le cose e gli animali e questa teoria non è adattabile all'uomo che pensa e agisce. Anche se Darwin diede, con la sua teoria sull'evoluzione della specie, nuovo lustro al determinismo questo rimase isolato allo studio sulle specie animali e sulle cose. L'uomo ragiona e, oltre al determinatismo causa effetto, esso ha qualcosa in più. E poi c'è l' istinto, come tendenza comportamentale a base genetica, che guida le nostre azioni. Freud prende come esempio di motivazione all'azione gli "istinti inconsci"; l'uomo si lava le mani per il suo istinto di pulizia. Teoria simile è quella della "riduzione delle pulsioni": un bisogno produce una pulsione diretta verso comportamenti che riducono il bisogno, e con ciò la pulsione.
Tra queste quella di Aristotele sembra la più appropriata perchè, togliendo la possibilità di un destino infame e già scritto, l'uomo ragiona come dice Cartesio, e la vita si sviluppa tramite azioni guidate dalla ragione. Se l'uomo pensasse che il suo destino fosse già scritto allora la motivazione sparirebbe perchè inutile sarebbe il  fare o pensare di fare un azione perchè questa è già scritta. Tutte le scoperte, le invenzioni, i miracoli e le tragedie non possono e non devono essere scritte, già preimpostate, perchè il mondo non è come ci raccontano nel film Matrix. L'uomo è libero di agire e se solo pensasse un attimo di non poter cambiare il suo futuro ogni suo gesto perderebbe gran parte del suo effetto e del suo significato.

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information