21 ott, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

I maxi blitz a Messina. Operazione Vivaio

Notizie

14/04/2008 - Quindici arresti, trenta persone indagate, ventisette perquisizioni domiciliari e oltre cento carabinieri impegnati. Sono questi i numeri dell’operazione “Vivaio” condotta dai comandi provinciali di Messina, Catania e Ancona e dai militari del Ros. L’operazione ha scardinato i cosiddetti mazzarroti della famiglia mafiosa di Barcellona. Il clan sarebbe infiltrato negli appalti pubblici e particolarmente incisivi nel controllo delle attività economiche del territorio.

Le investigazioni sono partite nel 2006 e hanno preso spunto dallo scontro al vertice tutto interno tra Tindaro Calabrese e Carmelo Bisognano. Quest’ultimo storico capo dei mazzarroti era in carcere da novembredel 2003. All’inizio Calabrese lo aveva estromesso dalle attività illecite e, grazie anche all’appoggio di Carmelo Salvatore Trifirò, si era imposto nel controllo di numerosi appalti. Su tutti spicca quello sui lavori di ripristino della galleria Valdina sulla tratta ferroviaria ed autostradale Messina-Palermo. Tra gli appalti controllati dal gruppo criminale anche quello della metanizzazione e della messa in opera di fibre ottiche in vari comuni peloritani, e ciò attraverso l’accaparramento delle attività di movimento terra e delle forniture di inerti e conglomerati cementizi. Il clan, inoltre, prestava particolare attenzione a tutto l’indotto relativo alla gestione delle discariche di Mazzarrà S. Andrea e Tripi, dove convergono i rifiuti solidi urbani e speciali dell’intera provincia di Messina.

E’ stato accertato che le forniture e il movimento terra per la copertura dei rifiuti erano affidate da oltre un decennio ad imprenditori legati prima a Carmelo Bisognano, poi a Tindaro Calabrese, acuendo così i contrasti tra le due frange culminate con l’omicidio Rottino.
Insomma, si era creata una gestione monopolistica dello smaltimento dei rifiuti speciali derivanti dalla lavorazione degli agrumi, il cosiddetto “pastazzo” che, invece, di essere smaltito veniva riversato su aree demaniali o addirittura venduto come fertilizzante.

Le indagini al momento non possono ancora considerarsi concluse visto che nel corso delle perquisizioni sono stati rinvenuti documenti particolarmente utili agli investigatori. Tra gli indagati, ci sono anche alcuni amministratori pubblici coinvolti in quanto titolari d’impresa.

Con l’operazione vivaio è stato inflitto un duro colpo ad uno dei sodalizi criminali più pericolosi della provincia tirrenica e nebroidea, che ormai da tempo controllava numerose attività economiche.

{mosgoogle center}

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information