14 dic, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

17/11/2008 - Messina ha un piano di Protezione Civile

Notizie

I contenuti del piano di protezione civile comunale sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Zanca. A presentare la pianificazione comunale, strumento essenziale di lavoro, in termini di previsione, prevenzione e soccorso, il sindaco Giuseppe Buzzanca e l'assessore alla protezione civile, Fortunato Romano, che ha la delega per il piano di emergenza comunale, il piano rischio incendi, il piano rischio industriale, il piano rischio tsunami ed il coordinamento delle attività di gestione e di simulazione delle emergenze territoriali. Prima dell'incontro con la stampa, l'assessore Romano ha ricevuto in Prefettura, dal prefetto Francesco Alecci la vidimazione ufficiale del piano. All'incontro a palazzo Zanca hanno partecipato anche il vice prefetto delegato, dott. Antonio Contarino; l'ing. Bruno Manfrè, responsabile del servizio regionale Protezione Civile per la provincia di Messina e rappresentanti del gruppo di redazione che, con lo staff dell'ufficio comunale, ha elaborato il sistema organizzativo che è stato già vagliato dal dipartimento nazionale di Protezione Civile. Il sindaco Buzzanca ha sottolineato che si tratta di un piano in progress, nel senso che sarà modulato sulle esigenze del territorio secondo i confronti che dopo la fase istituzionale, saranno fatti. Un piano dinamico, come ha detto l'assessore Romano, che partendo da una macro scala di eventi sarà applicabile anche per le emergenze di minor impatto territoriale. In questo senso il sindaco Buzzanca ha poi auspicato anche una capillarizzazione della conoscenza del piano che inizi proprio dalle scuole, per aumentare il grado di conoscenza dei rischi e delle modalità per affrontare qualsiasi emergenza. Le aree individuate per le situazioni emergenziali sono 470, 342 di attesa, 122 di ricovero e 6 di ammassamento. Proprio per una verifica del piano e delle varie componenti del soccorso sono state preannunciate, nel centenario del terremoto, due esercitazioni di protezione civile a livello nazionale e locale. La prima si terrà dal 16 al 18 dicembre tra Reggio e Messina, con il coinvolgimento dell'area portuale; la seconda alla fine del prossimo gennaio testerà il piano comunale con le criticità individuate nei quartieri periferici ed in quelli del centro storico. Il Piano presentato, anche alla luce delle esperienze acquisite in esercitazioni ed eventi verificatisi sul territorio comunale, costituisce la struttura fondamentale per la gestione delle emergenze e la base per i futuri, necessari, specifici approfondimenti. Il Piano, partendo dalle caratteristiche del territorio comunale, nelle more di una sempre più precisa definizione dei rischi e degli scenari già conosciuti e verificabili sul territorio comunale, quali il rischio sismico, idrogeologico, vulcanico, tsunami, incendio boschivo, industriale, eventi meteorologici, che verranno con programmi e progetti specifici approfonditi, contiene: gli organi e le strutture comunali di protezione civile; le aree di emergenza, quali quelle di attesa, di ricovero della popolazione (attendamenti, roulottopoli) e le aree per l'ammassamento dei soccorritori e delle risorse; la predisposizione aggiornata delle mappe sul territorio, con la sua delimitazione, dell'uso del suolo e varie carte tecniche indicanti l'armatura territoriale comunale, la rete viaria, l'indicazione dei percorsi strategici per l'emergenza e dei servizi a rete; le modalità di allertamento e di attivazione del personale e degli organi comunali preposti alle attività di protezione civile, con particolare riferimento alle responsabilità operative dei dirigenti. Il Piano, per un più alto grado di snellezza, ma anche di flessibilità, unitamente al necessario automatismo delle procedure da attivare ed alla possibilità di un veloce e continuo aggiornamento dello stesso (programmato per ogni 6 mesi) al variare degli scenari di crisi ed al mutare delle risorse, contiene rinvii a specifiche schede operative. L'efficacia del piano è subordinata alla pronta operatività di coloro ai quali sono assegnati precisi compiti e chiare responsabilità. Copia sarà inviata a tutti quegli Enti ed organismi che saranno chiamati a fornire concorso di personale, mezzi e materiali per gli interventi in caso di calamità.
 
{mosgoogle center}

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information