22 ott, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Metafora politica. U sceccu Liuni

Notizie

sceccu liuni 

Ci fù na vota nu sceccu patintatu chi si vistiu ca peddi dun liuni;

essennu senza Re lu vicinatu, furmatu in privalenza di minchiuni

pigghiatilu pi liuni veramenti, 'ddu sceccu vinni fattu Prisidenti.

L'accordi e i 'so prumissi in virità non foru esagirati:

un minimu i riformi,... chiddi stissi da tantu e tantu tempu suspirati,

e ripulisti stabileru i patti di zicchi, di pidocchi e di mignatti.-

Passava u tempu e 'i tuttu si parrava forchè di ripulisti e di riformi;

u Sigritariu a cu ci dumandava ci rispundia: "U Prisidenti dormi,...

ma quannu dormi dici chi rifletti e chi l'impegnu massimu ci metti".

Intastumentri i 'nzicchi e li mignatti,in locu di vidirisi distrutti,

ricunfirmati aviunu i cuntratti e serunu 'ngrassati com'i butti,

e tunni comu e testi di finocchi erunu divintati li pidocchi.-

Ora, siccomu in menz'a l'animali sirpuliava un certu malcuntentu,

in vista d'un sicuru timpurali, u Prisidenti, sceccu pi talentu,

pinzò di convucari l'assimblea a scopu di calmari la platea.

Ci annarunu tutti all'ura cunvinuta, comu 'dda vota mai puntualmenti,

e dichiarata aperta la siduta fu data la parola o' Prisidenti

'u quali, non putennusi scansari, pi fozza s'appi a mettiri a ... ragghiari.

Vi lassu 'mmagginari 'a maravigghia e lu stupuri 'i tutta l'adunanza!

Finìu a siduta a parapigghia e cu risati a torciri la panza:

"O chi liuni, chi liuni raru, chi ruggi comu ragghia lu sumaru!"

' U jornu appressu 'u jaddu cantaturi ogni 'nimali riunì a cuncertu

vulennu dichiarari all'impusturi guerra senza quatteri in campu apertu;

ma pì principiu di dimucrazia ognunu dissi comu la sintia:

"Stu sceccu ci ha così murtificati, -prutistò sdignatissimu u cavaddu-

chi sunnu nenti un fraccu di nirbati...pirchì e nirbati ci avi fattu u caddu!..."

"Binissimu!...- ntirvinni u jattupardu- si lu vuliti jò lu vaiu e cardu!"

"Pi quantu virgugnusa e l'impustura - s'arzò a parrari 'u boi sulennimenti -

basta chi ci livamu 'a manciatura;... peggiu cundanna non ci nne qualmenti"...

Ma ci rumpiu u filu la curnacchia: "Chi forsi la voi tu 'sta bedda pacchia?"...

Vinni di poi lu turnu d'u maiali : "Iò chi v'ha diri ?... 'Nn'aiu vistu porci....

ma no chu sta bisazza di vintrali chi digirisci puramenti i scorci;

livamila di menzu sta carogna bona pa murtadella di Bulogna!"

Invitatu a parrari, lu cunigghiu circò di spiccicari ddu paroli:

"Rispunsabilità io non mi nni pigghiu... ancora è Presidenti... e s'iddu voli

pò fari cacchi mali... e megghiu sia andarci chianu... cu diplomazia..."

"Chi chianu e chianu- u Cirru sàuta 'n pizzu- ci manca sulu i dumannarci scusa!...

Inveci di sistimarici u capizzu a 'sta cusazza inutili e rugnusa,

chu sti raggiunamenti a zicchi-zacchi ccà non ci resta chi calari i brachi.

I pulici, li cimici e li bratti, fratirnamenti uniti in sindacatu:

"Morti e' n'zicchi, e' pidocchi e a li mignatti !" si misiru a gridari a perdiciatu...

U merru, risaputu ruffianu, si nni stetti a scutari di luntanu.

Pì l'urtimu s'arzò lu barbagianni, dicànu di 'ddu storicu cunvegnu:

"Vui diti beni chi l'offisa e ranni ma vi cunsigghiu di frinari u sdegnu;

p'a stissa siriità d'a nostra razza risparmiamu u ciatu ie la scumazza.

Scippamuci 'dda peddi di liuni e, dopu, a stu gran pezzu di misseri

'mbracamulu cu tantu di barduni a traspurtari còfini 'ì fumeri...;

Sintiti chi vi dici lu me beccu: - Chi si cunchiudi a fari guerra ò sceccu ?!..."
 

{mosgoogle center}

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information