24 apr, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Migliaia di posti di lavoro spazzati via dalla crisi

Notizie

Questa è la prima recessione dei precari. Quelli che non hanno ancora né tutele né paracaduti. Per almeno un milione, su un totale di 4,5 milioni, il posto, anzi il reddito, è a rischio. Perché per i lavoratori flessibili - con i contratti di collaborazione, i contratti a termine, quelli di lavoro interinale - gli ammortizzatori sociali (salvo qualche particolare eccezione) non ci sono ancora. Così nelle aziende che riducono i costi, strette tra le difficoltà del credito e il crollo della domanda, i primi "ammortizzatori sociali" sono proprio loro: infatti, senza il rinnovo del contratto escono di scena, dando così un po´ ossigeno (precario) ai conti delle imprese. Il governo ha deciso di ricorrere ai ripari: l´indennità di disoccupazione verrà estesa anche ai co. co. pro con un solo committente e probabilmente anche agli altri atipici. Ma non è ancora chiaro se la misura scatterà dal 2009 oppure subito.
Solo nella pubblica amministrazione si calcola che i contratti destinati a non essere rinnovati sono tra i 250 mila e i 300 mila. Nel dettaglio sono 47 mila i contratti a tempo determinato che non saranno stabilizzati; 40-50 mila i contratti di collaborazione senza prospettiva; 23 mila i lavoratori socialmente utili privi di sbocco; circa 10 mila i contratti interinali dal futuro incerto. E poi i tagli alla scuola mettono a rischio dai 130 ai 150 mila posti già precari.
Tutti questi fanno parte di un pezzo del lavoro flessibile italiano, certo partecipano a formare la "massa critica" dei nostri working poor, al netto del lavoro sommerso.
In una recente studio dell´Università di Roma La Sapienza ("Stabilmente precari? Rapporto 2008 sui lavoratori parasubordinati") si calcola che siano oltre 800 mila gli atipici «a rischio precarietà», cioè quelli che hanno un solo contratto e con un solo committente come fonte di reddito. Nei fatti lavoratori dipendenti a basso reddito e - paradossalmente - figli della deregulation dei mercati.
E se si guarda alla crisi proprio da questa prospettiva, e non solo dalle fabbriche del nord o dei distretti della cosiddetta "terza Italia", insomma non solo dalla parte del lavoro tradizionale, ci si accorge che l´effetto sarà durissimo soprattutto nel Mezzogiorno. Scrivevano gli autori della ricerca della Sapienza, prima del crollo delle Borse: «I risultati sono allarmanti in quanto confermano l´esistenza di due Italie caratterizzate da condizioni di lavoro e di vita estremamente diverse: il nord, specialmente le aree maggiormente industrializzate e con imprese di maggiore dimensioni, dove la presenza di lavoratori parasubordinati è minoritaria e la precarietà è l´eccezione; il centro-sud, dominato da imprese terziarie dove il ricorso al lavoro parasubordinato e a quello precario è una prassi consolidata». In Calabria e nel Lazio sono precari tre parasubordinati su quattro. E il primato assoluto spetta a Reggio Calabria dove i precari sono l´82,2 % degli atipici.
Il reddito medio di chi è parasubordinato e ha un solo committente supera di poco gli 8 mila euro lordi l´anno. Considerando tutta la platea degli atipici la media sale a quasi 16 mila euro. Guadagnano di meno le donne: quasi il 50% degli uomini. Secondo i ricercatori dell´università romana sono 430 mila le donne «che vivono una situazione di insicurezza dovuta alla mancanza di continuità del rapporto di lavoro e di un reddito adeguato». Di uomini in queste condizioni ce ne sarebbero circa 360 mila. L´età media resta intorno ai quarant´anni, età matura, non giovane. Il tutto già prima della crisi. E questi ottocentomila, sommati ai 200 mila e passa del pubblico impiego, costituiscono quell´esercito di precari che in silenzio rischia di essere spazzato via dalla crisi.

fonte:larepubblica.it


{mosgoogle center}

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la privacy policy>/i>.
To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information