17 gen, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

16/01/2009 - Monitoraggio delle Amministrazioni. Messina dice no

Notizie

Ci dobbiamo sempre distinguere, e le critiche non le sappiamo accettare. Tutte le amministrazioni hanno accettato di farsi monitorare e giudicare dall'associazione fondazione Civicum, che insieme a quelli del Politecnico di Milano, hanno spulciato e confrontato il bilancio di 23 grandi Comuni italiani. Catanzaro, Reggio Calabria, Catania e Messina hanno gentilmente declinato l'invito. Quelli di Civicum possono far paura: le analisi sono rigorose e i loro numeri possono essere spietati. Con l'obiettivo 'sociale' di "rendere trasparenti ai comuni mortali i complicati libri contabili delle amministrazioni", ricorda il presidente Federico Sassoli de Bianchi, la fondazione da anni fa le pulci alle giunte per capire chi spreca meno soldi, chi investe in servizi sociali, chi preferisce buttare migliaia di euro in consulenze, quanto una città punta sulle tasse o, meglio, sulla buona gestione (e gli introiti) delle società partecipate. Buoni e cattivi vengono impietosamente confrontati, e le comparazioni mettono automaticamente in luce virtù nascoste o errori madornali di sindaci ed assessori.

Il verdetto è chiaro, e viene a galla dopo una lettura rapida delle tabelle: nel 2007 i sindaci più bravi d'Italia sono stati Massimo Cacciari e Sergio Chiamparino. Il peggiore, senza ombra di dubbio, è invece il primo cittadino di Palermo, Diego Cammarata.

Una delle tabelle-chiave è quella che misura le spese per il funzionamento della macchina comunale, cioè la parte delle risorse pubbliche usate per pagare i dipendenti e tenere a regime gli uffici. "Tutti i soldi risparmiati", chiosa il coordinatore della ricerca Giovanni Azzone, "possono infatti essere impiegati per migliorare i servizi destinati ai cittadini". Cacciari è quello che risparmia di più: nel 2007 ha utilizzato solo il 20 per cento del bilancio a sua disposizione. Torino e Roma si piazzano al secondo posto, con una spesa che non supera il 21 per cento, mentre peggio di Napoli e di Rosetta Russo Iervolino (per mandare avanti Palazzo San Giacomo se ne va oltre un terzo di tutto il portafoglio) fa, appunto, solo Cammarata. Altra graduatoria fondamentale è quella che calcola il peso delle entrate extratributarie rispetto al totale. Al netto di tasse, imposte e trasferimenti dallo Stato e dalle Regioni, i Comuni incassano soldi dal loro patrimonio immobiliare, dai dividendi delle aziende che controllano, dalle rette degli asili, dai biglietti di bus e metro e, non da ultimo, dalle multe. Se i vigili di Firenze, Roma e Bologna sono i più attivi, nel 2007 il sindaco-imprenditore più brillante è stato di sicuro il democratico Paolo Corsini di Brescia, poi eletto in Parlamento: grazie ai proventi record di Asm (la multiutility che prima di fondersi con la gemella milanese Aem e dare vita al colosso A2A si occupava di elettricità, gas, acqua e rifiuti) gran parte del bilancio complessivo non è legato alle imposte. La città vanta anche il debito pro capite più basso del Paese.

I numeri di Civicum mettono in evidenza anche le scelte politiche delle giunte, sbugiardando false promesse e proclami sbandierati in campagna elettorale. Bologna e Firenze sono le città più vessatorie: tra Ici, addizionale Irpef e surplus sul consumo di energia elettrica, nel capoluogo emiliano i contribuenti pagano imposte doppie rispetto a chi vive a Venezia e Bolzano. Torino, insieme a Milano, è la città con il debito pro capite più alto d'Italia, ma la giunta democrat di Chiamparino è di certo quella che investe di più in istruzione. Nel settore scuola il fanalino di coda è Campobasso. Il Comune molisano non fa una bella figura rispetto ai servizi: è ultimo anche per spese in cultura e nel sociale. Campo dove Bolzano, grazie anche ai soldi incassati con lo statuto speciale, è come al solito in testa solitaria. Per gli asili nido e i servizi agli anziani tutti i Comuni tra il 2006 e il 2007 hanno in realtà aumentato la spesa. Tranne Palermo, che ha tagliato il budget del 34 per cento. Altro dato inaspettato riguarda gli investimento in sicurezza, tema caro soprattutto dai sindaci del Pdl. A sorpresa Letizia Moratti è l'unica, tra i sindaci delle metropoli, ad aver diminuito la spesa corrente destinata alla polizia locale. La Roma di Walter Veltroni è stata la città che per le divise ha invece sborsato di più: ben 342 milioni, e record anche nel rapporto per abitante. Paradossalmente in campagna elettorale è stato proprio il tam tam sull'insicurezza a far vincere Gianni Alemanno.
Fonte:espresso.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la privacy policy>/i>.
To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information