18 dic, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

24/12/2008 - Mons. La Piana ai messinesi nella vigilia di Natale

Notizie

Il discorso integrare di Mons. Calogero La Piana ai Messinesi nel giorno della vigilia di Natale

«Carissimi,

desidero far giungere a tutti il mio fraterno saluto insieme agli auguri di serenità e di pace.

Il Natale celebra il mistero dell'Incarnazione del Figlio di Dio, "fatto uomo per noi uomini e per la nostra salvezza", evento di grazia che ha cambiato la storia dell'umanità. La nostra Città di Messina ricorda quest'anno il centenario del disastroso evento del terremoto, quei pochi ma interminabili secondo in cui, rasa al suolo, è privata di tutto: porto, ferrovia, chiese, palazzi, strade. Azzerata la stessa organizzazione della vita civile, militare, sociale, culturale e religiosa. Decine di migliaia di morti e feriti, macerie ovunque. E di contro, l'impressionante solidarietà del mondo intero: forze dell'ordine, italiane e straniere, volontari provenienti da ogni parte d'Italia, istituzioni e cittadini generosi di ogni età e ceto sociale.

Carissimi, la memoria centenaria del tragico evento del 1908 avviene in un momento difficile. In Città e in Provincia viviamo il dramma della precarietà, della incertezza e della stessa perdita del lavoro. Troppe le famiglie che faticano a vivere dignitosamente. Cresce il numero dei poveri. E sono ancora in tanti ad attendere un tetto sicuro dove ripararsi dal freddo e dalla pioggia, dal vento e dalla "nudità". Con i disagi e i danni provocati dalle alluvioni (Falcone, e non solo), continua a piovere sul bagnato. Unisco il mio grido con coloro che invocano assistenza e chiedono di non essere abbandonati da chi ha il dovere di intervenire. Esprimo piena solidarietà auspicando risposte concrete dalle Istituzioni preposte a garantire i diritti degli uomini e a farsi carico dei poveri e degli emarginati.

Volgendo lo sguardo attorno: crisi economica mondiale, recessione, offuscamento dei genuini valori umani, crollo di tante certezze. Scandali per illegalità e immoralità. Numerose le tenebre che avvolgono i rapporti tra i popoli, ma anche le relazioni all'interno di comunità e di un numero sempre crescente di famiglie. Si estende a dismisura l'ombra dell'incertezza e del disorientamento. Vengono meno i punti di riferimento.

Non è anche questo, miei cari, un autentico terremoto che sconvolge la vita di milioni di persone? Non crollano di certo le case e i palazzi, ma si frantuma il tessuto civile, sociale, culturale, spirituale e morale. Siamo dinanzi ad un mondo da ricostruire.

Su quali basi? Su quali certezze?

Un grido risuona con insistenza dalla liturgia dell'Avvento: "Coraggio, non temete, viene il Signore".

Il Signore viene per instaurare un regno di giustizia, di amore e di pace. Viene per essere solidale con l'umanità. Viene per abitare in mezzo agli uomini ed arricchirli della sua stessa vita: "Dio si è fatto come noi per farci come Lui".

Carissimi, insieme alla piena solidarietà di Dio, il mistero del Natale ci indica la via della semplicità, della sobrietà e della rinuncia. Dio, spogliandosi delle stesse prerogative divine, condivide la vita dell'uomo, vive la condizione dei poveri. Non dovremmo forse imparare ad accontentarci e gioire dei tanti beni e valori, delle "piccole cose" presenti nella nostra vita? Rinunciare a tutto ciò che sa di apparenza, di vanità, di voglia sfrenata di piacere e di consumo? Distinguere le vere dalle false esigenze che ci vengono imposte dalla spudorata propaganda? Saperci privare del superfluo? Educarci all'essenziale, al vero, al bello, al giusto, a tutto ciò che promuove la dignità della persona? Smettere di inseguire le mode del momento, frutto di perverse speculazioni dei pochi "ricchi" che contribuiamo ad impinguare con la sciocca pretesa di bellezza esteriore e di terrena felicità?

Il Signore viene e ci indica la strada della sobrietà e della solidarietà per promuovere e difendere la dignità degli uomini.

Coraggio fratelli, non cediamo alla stanchezza e allo sconforto. Non smarriamo la speranza e la fiducia. Non venga meno la solidarietà che sempre ha caratterizzato la nostra gente nei momenti tristi e calamitosi. Maria Santissima, la Madonna della Lettera, non ha mai smesso di "guardarci con benevolenza", di benedire e proteggere Messina e i suoi cittadini.

Il Signore Gesù Cristo, "Sole che sorge per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell'ombra della morte", è venuto per trasferirci nel suo regno di luce e ci chiede di essere luce per gli altri: "Voi siete la luce del mondo... Risplenda la vostra luce".

Attraverso la solidarietà e la carità, semplice e fattiva, di quanti desiderano impegnarsi per divenire "trasparenza luminosa di Cristo", un raggio della luce divina raggiunga voi cari fratelli, poveri, ammalati, anziani abbandonati, giovani smarriti, famiglie in difficoltà, fratelli immigrati non sempre accettati ed accolti.

Il Signore porti pace e calore nel cuore di ogni uomo. Auguri fraterni di Buon Natale e sereno anno nuovo a tutti.

Il vostro Arcivescovo
Calogero La Piana

 

{mosgoogle center}

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information