22 gen, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

05/09/2008 - Il plesso scolastico di Larderia è inagibile

Notizie

La scuola è alle porte, ma c'è chi, a scuola, dovrà andare in condizioni "difficili". A lanciare il grido d'allarme, con interrogazione al sindaco e agli assessori al patrimonio e alle politiche scolastiche, è l'esponente dellìMPA Ivano Cantello che chiede nuovi plessi scolastici e idonee condizioni di agibilità: "A Tremestieri non sussistono le condizioni di agibilità previste dalla legge negli edifici che ospitano le scuole elementari e materne. Siamo nel 2008 – dice il capogruppo degli Autonomisti – ma i nostri bambini continuano a svolgere le attività didattiche in aule umide, anguste, spesso ubicate in scantinati privi delle condizioni minime di sicurezza, ove non è possibile neanche svolgere attività di educazione fisica. E pensare che la legge prevede che le scuole sorgano lontani dai centri urbani ed industriali”. Anche a Zafferia e Larderia, dove i plessi sono stati di recente ristrutturati ma senza alcuna garanzia dal punto di vista della sicurezza. "Diciamo anche ‘no’ a soluzioni ‘miste’, che prevederebbero alunni di classi ed età diverse nella medesima aula. Per non parlare del fatto che i bambini sono costretti a consumare i loro pasti negli stessi locali in cui si fa lezione. È ora di gridare ‘basta’: i genitori non manderanno i propri figli a scuola senza che siano forniti aule e mezzi didattici idonei, come accade o dovrebbe accadere in qualsiasi parte d’Italia. Le istituzioni promettono ad ogni campagna elettorale il loro ‘interessamento’ per risolvere il problema ma è ora di passare dalle parole ai fatti –  sottolinea Cantello – per evitare che in futuro i bambini di Zafferia, Tremestieri e Larderia  siano costretti ad andare a scuola altrove in città. Servono  nuove aule o addirittura un nuovi plessi, per garantire il diritto allo studio in una zona in continua espansione demografica, che peraltro ha ancora bisogno dei più elementari servizi, per assicurare decenti condizioni di vita alla comunità". Nell'interrogazione presentata ieri a Palazzo Zanca Cantello chiede "che si verifichi la possibilità tramite l’Assessore al Patrimonio e Decentramento ed alle Politiche Scolastiche di individuare e mettere a disposizione con urgenza nuovi plessi scolastici o di ampliare quelli esistenti al fine di garantire il diritto allo studio in una zona in continua espansione demografica, che peraltro ha ancora bisogno dei più elementari servizi, e onde evitare che in futuro i bambini della scuola materna ed elementare siano costretti ad andare a scuola altrove in città".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la privacy policy>/i>.
To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information