16 gen, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

28/10/2008 - Al Policlinico di Messina non quadrano i conti

Notizie

Sono dichiarazioni sconcertanti quelle di Giuseppe Pecoraro, Commissario Straordinario dell'Azienda Policlinico, che mette a nudo la questione bilanci della più grande struttura ospedaliera della città dello Stretto. A voi questa "simpatica" lettura.....

"Sulla inaffidabilità dei dati contabili ho trovato ampie tracce sia in documenti commissionati dall'Università sia in rilievi fatti sistematicamente dal Collegio Sindacale e dall'Assessorato Regionale Sanità in sede di verifica dei CE e dei bilanci consuntivi. E' significativo che non risultano approvati, da parte della Regione, i bilanci degli esercizi 2004, 2005, 2006, 2007. L'ultimo bilancio approvato è quello dell'anno 2003, ma solo per decorrenza di termini. Tutto ciò nonostante nel corso degli anni l'Azienda si sia avvalsa di qualificate consulenze esterne, chiaramente a titolo oneroso. Ancorché importante, la criticità della situazione contabile è solo uno degli aspetti problematici della gestione Aziendale. E' evidente infatti la carenza di governo e di un sistema di regole condiviso. I vincoli normativi o le disposizioni assessoriali non sono stati presi ordinariamente in considerazione, determinando esiti gestionali negativi. Al fine di modificare la realtà sopra descritta spiega lo stesso Pecoraro - nel corso di questi mesi ho assunto le seguenti iniziative: negoziazione del budget con tutte le unità operative; attivazione V turno per il personale infermieristico, tecnico e ausiliario; attività di guardia notturna e festiva dei dirigenti medici rientrante nel normale orario di servizio e non più remunerata come lavoro straordinario; sottoscrizione dei contratti integrativi con le OO.SS. del comparto, dell'area della dirigenza medica e dell'area sanitaria, tecnica, amministrativa e professionale; attivazione del sistema di rilievo automatico delle presenze per tutto il personale; implementazione del sistema informativo aziendale per il caricamento di tutti i dati di attività e per la predisposizione degli ordinativi di spesa e il conseguente monitoraggio, attraverso il controllo di gestione, dell'andamento dei costi in rapporto alle prestazioni rese da ogni unità operativa e al budget negoziato; progressiva riduzione dei contratti a tempo determinato, evitando, comunque qualunque pregiudizio alle attività assistenziali; riduzione significativa di alcune voci di spesa tra cui vigilanza, ingegneria clinica, manutenzione, impianti elevatori. La riduzione dei costi per manutenzioni è riferita esclusivamente a quella extracontrattuale. Ho rilevato infatti che, a fronte della spesa contrattualmente prevista, nel corso dell'anno 2007 la stessa è risultata maggiore di 7 volte..  Nel corso del 2009 alcuni costi potranno ulteriormente ridursi perché scadranno contratti che sono particolarmente onerosi. I più significativi sono quelli relativi alla fornitura dei pasti e delle assicurazioni per responsabilità civile che in atto incidono, sul bilancio aziendale per circa sei milioni di euro l’anno. Mi fa obbligo inoltre segnalare che, a partire dal corrente anno, si è modificato il sistema di finanziamento della Aziende Ospedaliere e dei Policlinici Universitari che avverrà esclusivamente sulla base delle prestazioni sanitarie effettivamente rese. Si pone pertanto l'esigenza di migliorare la produttività aziendale, modificando l'attuale assetto organizzativo che manifesta in alcuni dipartimenti significative sacche di inefficienza. Ferma restando la finalità istituzionale dell'Azienda quale soggetto strumentale alla didattica e alla ricerca, è necessario individuare un modello organizzativo che ne salvaguardi la sua sopravvivenza nel tempo".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la privacy policy>/i>.
To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information