17 gen, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

12/01/2009 - Spese pazze di un Comune in dissesto

Notizie

Interessante articolo apparso stamani tra le pagine di Normanno.it scritto da Antonella Feminò. Tanto per cambiare, si parla di spese del Comune di Messina che, anche se in aria di dissesto, continua a sperperare quattrini anche quando di soldini non c'è ne:

273 mila euro ogni 6 mesi. In un anno ci sono 12 mesi. 273 mila per 2 fà 546 mila euro. Più di mezzo milione di euro all'anno per pagare un affitto. E non si tratta dei locali di Buckingam Palace, ma della scuola Carlo Meo. Il Comune di Messina tanto paga alla Sitat di affitto. Il dubbio sorge spontaneo: è proprio sicuro che per l'acquisto di un locale equivalente si spenderebbe più di mezzo milione di euro? In tutto, non  ogni'anno.

La nota spese di Palazzo Zanca prosegue con la sua consueta lista di spesuccie, alcune delle quale non sorprendono ormai più: direttamente dagli uffici del sindaco 2.250 euro per lavare le tende e 480 euro di tappezzeria.

Qualcosina la si è spesa anche per le feste. Qualche esempio? 1.200 euro per il crazy party comunale del 22 dicembre scorso, e ben 5 mila euro per la manifestazione "U Pagghiaru".

Ma il podio, per questo ennesimo episodio di "Non abbiamo soldi ma inspiegabilmente li continuiamo a spendere", spetta al Servizio Ricovero Istituti per Anziani e Adulti Inabili. Per finanziare questi istituti il Comune di Messina spende 431.601,46 euro ogni 6 mesi. Oltre 850 mila euro l'anno per sostentare 17 Istituti, fra i quali ad esempio non rientra Casa Serena, come tutte le strutture le cui spese rientrano fra quelle dell'Istituzione per i Servizi Sociali. E questi cosa sono?

Ogni 6 mesi il Comune sborsa 147.221,02 euro alla Casa di Ospitalità Collereale; 30.454,40 euro alla Società Cooperativa sociale "La Speranza" onlus; 69.454,40 euro all'Associazione "Villa S.Antonio" onlus; 11.624,94 euro all'Oasi Cristo Re; 16.496,35 euro a O.D.A. Casa protetta "Villa Madonna di Lourdes"; 55.930,68 euro all'Istituto Maria Ausiliatrice di Valle degli Angeli; 16.262,34 alla Casa di Riposo "Enrico Trimarchi" Boccone del Povero; 8.271,18 euro alla Casa Santa Maria del Riposo; 8.580,48 euro alla Fondazione Città del Ragazzo "Pro Senectute"; 17.082,28 euro all'Istituto Ancelle Riparatrici di Santa Chiara; 6.065,62 euro ad Azione Sociale Casa Albergo vialla Solaria; 843,22 euro al Centro Assistenzale Anziani "Sciacca Baratta"; 12.486,76 euro all'Istituto Canonico "Luigi Calderonio"; 25.327,60 euro all'Oami Casa Famiglia Casa Gina; 17.439,90 euro a Progetto Vita Maria S.S. della Catena Acicatena; 10.863,45 euro a Villa Salvador CTA Psichiatrica; 6.165,00 euro all'Associazione Penelope.

Per quasi un milione di euro l'anno ci sia augura che per lo meno gli anziani messinesi possano fruire di ogni comfort, servizio in camera compreso.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la privacy policy>/i>.
To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information