25 giu, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

19/01/2009 - Tutto pronto per la mostra Rubens vede Caravaggio

Notizie

Al Museo Regionale di Messina, dal 25 gennaio al 15 marzo, sarà ospitata la mostra Rubens vede Caravaggio, le adorazioni dei pastori a confronto. L'evento culturale sarà aperto domenica 25, alle ore 10.30, al teatro Vittorio Emanuele di Messina, da una Lectio magistralis dell'on. Vittorio Sgarbi e quindi alle 12,00 , al Museo Regionale di Messina il presidente della Regione siciliana, on. Raffaele Lombardo, inaugurerà la mostra alla presenza dell'assessore regionale ai Beni culturali, on. Antonello Antinoro; del sindaco di Messina, on. Giuseppe Buzzanca e dell’assessore alle politiche culturali, on. Giovanni Ardizzone.

“L’adorazione dei pastori” di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, appartiene al Museo Regionale di Messina, mentre il dipinto realizzato da Pietro Paolo Rubens, custodito al Museo di Fermo (Ascoli Piceno), sino al 15 gennaio è stato in mostra al Museo civico di Salemi. “C’è un curioso richiamo di numeri - ha evidenziato Sgarbi- che accomuna Salemi, Messina, Rubens e Caravaggio, e che si riallaccia idealmente al “Progetto Terre m otto” di Oliviero Toscani. Nel 1608 Rubens realizza il dipinto “L’Adorazione dei pastori”, viene in Italia a Roma sperando di incontrare Caravaggio che invece si trovava a Messina. A Messina nel 1908 c’è il terremoto. Nel 1968 si registrò il sisma a Salemi e in tutta la Valle del Belice. L’otto è dunque il numero chiave. A quattrocento anni di distanza, attraverso le opere nelle quali vive lo spirito degli artisti, Caravaggio e Rubens si incontreranno a Messina, cent’anni dopo il terremoto che, all’alba del 28 dicembre 1908, sconvolse la città. E minacciò di cancellare anche l’opera di Caravaggio che Rubens avrebbe voluto vedere. L’Adorazione dei pastori, appunto, dipinta per l’altare maggiore di Santa Maria la Concezione in contrada della Verza”. L'Adorazione dei pastori di Pietro Paolo Rubens, capolavoro scoperto a Fermo da Roberto Longhi, fu commissionato a Roma nel 1608 da padre Flamiano Ricci, su richiesta dei padri Filippini di Fermo. Inviando un dipinto “a scatola chiusa”, senza discutere con i committenti e senza conoscere il luogo cui era destinato, Rubens sceglie un'ambientazione notturna, come nella Natività dipinta da Caravaggio a Messina lo stesso anno. Rubens si immedesima a tal punto in Caravaggio da anticiparlo. Non lo ha visto, non lo ha incontrato, ma lo sta interpretando. E' uno dei più straordinari transfert della storia dell'arte. Così Rubens illumina prima di tutto il volto della Vergine, e poi, con diverse gradazioni, quello degli abbagliati, sconcertati pastori, che assistono all'evento. Il nodo degli angeli, galleggianti nell'aria, richiama gli spericolati angeli in picchiata delle sette Opere di misericordia di Caravaggio a Napoli. Ma come poteva Rubens conoscere opere dipinte a Napoli o in Sicilia? Certamente doveva essergli arrivata l'eco di invenzioni tanto innovative. Se noi conoscessimo di Rubens soltanto la natività di Fermo, ci configureremmo un pittore di stretta osservanza caravaggesca “fiammingo ma da putto allevato in Roma”. Vi sono in essa, infatti, una grande coerenza organizzativa ed una perfetta unità di azione che, attraverso Caravaggio, aprono lo spazio barocco. E' notevole che questo esordio italiano di Rubens avvenga quando ancora Caravaggio è vivo. Mentre Caravaggio viene rifiutato dai committenti nella Morte della Vergine, per avere rappresentato “con poco decoro la Madonna gonfia e con le gambe scoperte”, interpretando le ragioni più autentiche del cristianesimo, Rubens lo capisce benissimo e ne condivide la visione. Così nel 1607 acquista il grande dipinto per il duca di Mantova. E' in quel momento che Rubens diventa Caravaggio.
 
A quattrocento anni di distanza, attraverso le opere nelle quali vive lo spirito degli artisti, Caravaggio e Rubens si incontreranno a Messina, cent'anni dopo il terremoto che, all'alba del 28 dicembre 1908, sconvolse la città. E minacciò di cancellare anche l'opera di Caravaggio che Rubens avrebbe voluto vedere. L'Adorazione dei pastori, appunto, dipinta per l'Altare maggiore di Santa Maria la Concezione in contrada della Verza. Un'opera che sembra pensata per essere vista da Rubens, un notturno povero, con il gruppo dei pastori e san Giuseppe in adorazione della Madonna e del Bambino distesi a terra sulla paglia sotto la “capanna rotta e disfatta d'assi e di travi”. Finalmente Rubens incontra Caravaggio. Ma quando crede di averne rubato l'anima, Caravaggio è già più lontano; non si diverte con gli effetti speciali, con la luce che dal basso riverbera sul gruppo d'angeli come era stato nelle Opere di misericordia. Rubens si impegna, gioca con le luci strisciate, con i chiaroscuri. Caravaggio ormai non si compiace di virtuosismi “caravaggeschi”. Ripensa il Vangelo e rinuncia a ogni artificio con una sconvolgente semplicità. Rubens esibisce una bravura esagerata, trionfante. Caravaggio anticipa miracolosamente la sensibilità dei “vinti” di Malavoglia.
fonte:cittadimessina.it

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information