24 apr, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

18/09/2008 - Via del Mare e stazione ferroviaria a sud

Notizie

Intesa trovata oggi a Palazzo Zanca per spostare la stazione ferroviaria a sud e dare il via alla realizzazione della via del mare. Tutto questo nel corso dell'incontro tra l'assessore ai Lavori pubblici Gianfranco Scoglio, il dirigente alle Grandi opere e infrastrutture strategiche ing. Giovanni Caminiti e il direttore Infrastrutture di Rfi Sicilia Alfonso Belluccia, con il sindaco Giuseppe Buzzanca in collegamento telefonico. L'intesa verte su due punti focali: la realizzazione di un'unica stazione ferroviaria a sud, e precisamente a Gazzi, e la liberazione di migliaia di metri quadri di aree nella zona sud da binari e strutture varie presenti, in vista della riqualificazione urbana e della realizzazione della via del mare.
«E' stata una riunione fortemente positiva - dice Scoglio - sia dal punto di vista concettuale che tecnico». Tutto parte dal 2006, quando si decise di eliminare l'idea di un tunnel ferroviario sotto la via S. Cecilia, localizzando la nuova stazione ferroviaria a sud. Ora, mentre in quel progetto si preveva la realizzazione di due stazioni, sostanzialmente, una a Gazzi e una a Contesse, per servire una la tratta con Palermo e l'altra con Catania, oggi viene accolta la proposta dell'ing. Caminiti: realizzare un'unica stazione a Gazzi, con una sorta di "anello passante" che consenta di collegare contemporaneamente Palermo e Catania, eliminando così tempi morti d'attesa. «La direzione che si prende nelle grandi città - continua Scoglio - è quella di creare grandi stazioni, con all'interno attività di ogni genere. La realizzazione di due piccole stazioni, invece, non era consona al nostro piano di riqualificazione della zona sud».
Passando all'altro aspetto, non meno importante, trattato nell'incontro di oggi, il punto di partenza è il protocollo d'intesa del quale si occupò Scoglio quando era city manager, che prevedeva la realizzazione della via del mare per la riqualificazione urbana della fascia tra la zona falcata e lo Zir. «Anche qui pensiamo all'immediato - prosegue Scoglio - e non alla prospettiva medio-lunga del Ponte». Rfi ha dato il suo ok alla sdemanializzare e  a liberare alcuni binari e tutte quelle aree di proprietà esclusiva delle Ferrovie, per un totale superiore ai 60.000 metri quadri. «A quel punto si dovrà verificare la fattibilità della via del mare, e nel giro di sei-otto mesi procedere alla gara di progettazione».

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la privacy policy>/i>.
To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information