18 giu, 2018

MailFacebookrss twitterYoutube

Il virus mutante. Tutto sulla nuova influenza

Notizie

Il ceppo australiano H3N2/A/Brisbane/10/07 che è stato appena isolato nei primi italiani colpiti dalla febbre era già nel mirino degli infettivologi, Il virus dell'influenza è caduto nella rete. Da febbraio gli avevano puntato contro il microscopio, inserendolo nella triade dei virus uccisi e inattivati che compongono il vaccino di quest'anno. Si spera così di mitigare l'effetto dell'australiana, visto che le mutazioni del virus rispetto all'anno scorso sono state importanti, e il nostro sistema immunitario rischia di trovarsi piuttosto impreparato.
Il vaccino è indicato come la barriera più efficace per smentire le previsioni poco ottimistiche dell'inverno 2008-2009: ci si aspetta che i malati in Italia tocchino i 5 milioni (l'anno scorso non avevano raggiunto i 2). Ma l'inizio della campagna di inoculazioni - che rimarrà in piedi fino alla fine dell'anno - è stato blando, complici lo sgonfiarsi della paura dell'aviaria e un paio di inverni miti e poveri di virus. Nonostante le continue mutazioni di cui il virus dell'influenza è capace, gli esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità hanno sbagliato la mira solo quattro volte negli ultimi vent'anni (l'ultima nell'inverno 2007-8, quando il clima caldo ha comunque alleviato i problemi). E questo perché nella fiala che tra ottobre e novembre puntualmente arriva in farmacia non si trova soltanto il frullato di virus inattivati capaci di proteggere l'organismo contro l'influenza. Lì dentro c'è anche il giallo di un virus che d'estate scompare senza che nessuno sappia dove si vada a rintanare, per poi spuntare di nuovo con il freddo in una forma variata rispetto al passato, ogni volta in una zona diversa del globo. E c'è il thriller di un inseguimento al ceppo mutato che per i ricercatori inizia a febbraio nell'emisfero settentrionale, con i 122 laboratori dell'Organizzazione mondiale della sanità che mettono a confronto migliaia di esemplari isolati in tutto il mondo. Da queste impronte, ancora in pieno inverno, si parte per tracciare l'identikit del virus che colpirà nella stagione successiva.
Per produrre i 250 milioni di dosi di vaccino che ogni anno il mondo consuma sono infatti necessari mesi di lavoro da parte delle aziende farmaceutiche. "Stiamo cercando di mettere a punto modelli matematici di ogni tipo e studi di popolazione per capire in anticipo quali saranno i percorsi e le mutazioni del virus dell'influenza. Ma per ora non abbiamo raggiunto molto. Siamo costretti sempre a inseguire" conferma Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università di Milano specializzato in questa malattia. Quest'anno il compito si presentava particolarmente difficile. Le mutazioni del virus sembrano aver inserito una marcia superiore. E i ricercatori, rispetto all'anno passato, si sono visti costretti a variare tutti e tre i ceppi del virus che sono contenuti nel vaccino. "Proprio per questo motivo l'epidemia che ci aspetta sarà intensa" spiega Pregliasco. "Di fronte a un virus molto mutato, il nostro sistema immunitario si trova a corto di memoria. Prevediamo un aumento delle persone colpite, ma ciò non vuol dire che i sintomi nella media siano più gravi".

La promessa di un vaccino unico capace di colpire indistintamente tutti i ceppi dell'influenza resta ancora nel cassetto dei sogni. "Il vaccino esiste - spiega Pregliasco - ma è poco efficace, perché utilizza come segno distintivo una parte stabile ma molto interna del virus, che il nostro sistema immunitario fa fatica a riconoscere".
fonte:larepubblica.it
 

{mosgoogle center}

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento potresti acconsentire all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa --> approfondisci
.

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information